Tondi di Faloria

Home Gruppo del Catinaccio Gruppo della Marmolada Sassolungo e Sella Gruppo del Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e NuvolÓu Gruppo delle TofÓne AntelÓo - Sorapýss - Marmar˛le Dolomiti di Sesto Fanes - Sennes - Braies Puez - Odle LagorÓi - Cima d'Asta Gruppo del Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Gruppo di Bosconero Gruppo di Brenta Dolomiti BellunŔsi Settentrionali Mailing List

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 ľ Foglio 016

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (GRUPPO DEL SORAPISS)

SCHEDA N. 2

 

FOTO NOTEVOLI

FOTOPERCORSO VIRTUALE

 

PUNTO DI PARTENZA

Da Pian di Vedoia (uscita della A27 Mestre-Belluno) si raggiunge Pieve di Cadore, da dove si svolta a sinistra imboccando la Valle del Boite. Si risale la valle fino al famosissimo centro di Cortina d'Ampezzo (1225 m, 57 km da Pian di Vedoia). 

Giunti in paese, si prosegue fino al capolinea degli autobus (ex stazione ferroviaria), dove Ŕ situata la stazione di partenza della Funivia del Faloria (parcheggio). 

 

ITINERARIO

La funivia, in due tronchi (di cui il secondo piuttosto ardito), conduce in breve sull'orlo della bastionata rocciosa che incombe su Cortina, che sul versante opposto sorregge una serie di pendii erbosi e boscosi digradanti sulla zona del Passo Tre Croci. Presso la stazione a monte della funivia, sorge l'ampio Rifugio Faloria (2123 m), in splendida posizione panoramica su Cortina, Pelmo, Tofane, Pomagagnon, Cristallo e Dolomiti di Sesto: un vero balcone sulle Dolomiti! 

Dal rifugio appare, in alto sulla destra, la costruzione del Rifugio Tondi: un servizio di fuoristrada conduce in breve anche a questo ulteriore punto panoramico sul versante ampezzano del Sorapiss, ma forse conviene salirvi a piedi per la larga (anche se in alcuni punti ripidissima) pista da sci, che attraversa il versante orientale del Monte Ciasadio con diversi tornanti. Raggiunto il ciglio della cresta, che si affaccia sulla profonda Val Orita, si risale l'ultimo breve tratto fino alla terrazza del Rifugio Tondi (2310 m, h 0,30). Splendida veduta sull'ardita Punta Nera (2847 m) e sulla vicina Croda Rotta (2670 m), che svettano al di lÓ della Val Orita. Per il resto, panorama a giro d'orizzonte su tutti i gruppi della Conca di Cortina. 

Di qui, varie possibilitÓ per il ritorno:

a) si pu˛, ovviamente, tornare al Rifugio Fal˛ria ed a Cortina con la funivia;

b) oppure si pu˛ tornare al Rifugio Fal˛ria e scendere, con il sentiero n░ 212, al Ristorante Rio Gere (1680 m, h 1,00 circa), sulla strada Cortina-Passo Tre Croci;

c) o ancora, Ŕ possibile seguire la cresta dei Tondi di Faloria fin nei pressi di Forcella Faloria (2309 m, da qui sarebbe possibile, con percorso pi¨ impegnativo di quelli proposti, raggiungere il lontano Rifugio Vandelli per la Sella di Punta Nera e i Tondi di Sorapiss), da dove si traversa la base della bastionata della Cesta (2768 m) e del Laudo (2670 m) per poi scendere (segnavia n░ 213) a Campo Marzo ed al Passo Tre Croci (1805 m, h 1,30);

d) o infine, poco prima del rifugio, si pu˛ prendere il sentiero n░ 214 che scende in Val Orita e, passando per Mondeserto, conduce alla Baita Fraina (1350 m) ed alla periferia meridionale di Cortina (h 1,45). 

 

TEMPO TOTALE

h 1,00 circa con l'itinerario a

h 1,45 - 2,00 con l'itinerario b

h 2,00 circa con l'itinerario c

h 2,15 - 2,30 con l'itinerario d

DISLIVELLO

200 m circa

DIFFICOLTAĺ

ULTIMO SOPRALLUOGO

3 luglio 2000 (fino al Rifugio Tondi) 

PERIODO CONSIGLIATO

giugno - fine settembre

COMMENTI

Itinerario breve, poco faticoso e prevalentemente panoramico: purtroppo, la conca del Faloria Ŕ deturpata dai numerosi impianti di risalita invernali e dai grossi sbancamenti delle piste da sci. L'ambiente risulta quindi eccessivamente antropizzato, ad uso e consumo di un turismo prevalentemente invernale: peccato, perchŔ il luogo sarebbe pittoresco ed il panorama Ŕ di prim'ordine. Pi¨ solitari, anche se sempre disturbati dagli impianti di risalita, gli itinerari che scendono verso il Passo Tre Croci; selvaggio quello che discende la Val Orita.