Alla Sella del Ciampaz

Home Gruppo del Catinaccio Gruppo della Marmolada Sassolungo e Sella Gruppo del Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e Nuvolŕu Gruppo delle Tofŕne Antelŕo - Sorapěss - Marmarňle Dolomiti di Sesto Fanes - Sennes - Braies Puez - Odle Lagorŕi - Cima d'Asta Gruppo del Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Gruppo di Bosconero Gruppo di Brenta Dolomiti Bellunčsi Settentrionali

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 – Foglio 06

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (GRUPPO DEL CATINACCIO)

SCHEDA N. 21

 

FOTO NOTEVOLI

FOTOPERCORSO VIRTUALE

IL GRUPPO DELLA MARMOLADA DALLA MULATTIERA CHE SALE DAL PASSO DI COSTALUNGA ALLA SELLA DEL CIAMPAZ

 

PUNTO DI PARTENZA

a) Da Egna-Ora (uscita della A22 del Brennero) si sale a valicare il Passo di San Lugano, da dove si entra in Val di Fiemme. Risalita la valle fino a Predazzo, si prosegue lungo la Val di Fassa raggiungendo Vigo di Fassa, da dove si svolta a sinistra e si sale al Passo di Costalunga (1743 m, 62 km da Egna-Ora);

b) Da Bolzano Nord (uscita della A22 del Brennero) si risale interamente la caratteristica Val d'Ega e, attraverso Ponte Nova e Nova Levante, si raggiunge il Passo di Costalunga (1743 m, 29 km da Bolzano Nord).

Si lascia l'auto proprio in corrispondenza del valico (tabelle segnaletiche).

 

ITINERARIO

Dal Passo di Costalunga si prende una stradetta in leggera salita (cartelli, segnavia n° 548) che risale i prati alle pendici del Gruppo del Catinaccio: superate alcune case, la strada diventa mulattiera ed entra nel bosco, che risale con un paio di svolte. La traccia si innesta presto su una carrareccia sterrata che stacca dalla Grande Strada delle Dolomiti circa 1 km a valle del passo, sul versante fassano. Si giunge ad un bivio: lasciato a sinistra il segnavia n° 552, diretto al sovrastante Rifugio Paolina (vedi itinerario Sentiero del Masarč - Variante Inferiore), si prosegue a destra sul 548, che inizia a risalire con piů decisione le falde boscose della Cresta del Masarč. 

Lasciata a sinistra una conca di massi, alcuni ripidi strappi fanno guadagnare una magnifica radura, dove sorge una vecchia baita (2026 m, h 0,40 dal passo): magnifica veduta su tutto il Gruppo della Marmolada e sul Latemar. Un'altra breve rampa ed una successiva lunga traversata pressochč in quota fanno guadagnare la parte superiore della piccola Val Coden, che sale con ripidi ma pittoreschi prati fino all'ampia Sella di Ciampaz. La mulattiera, con numerosi tornanti poco pendenti, rimonta tutto il solco fino ad innestarsi sul Sentiero del Masarč (segnavia n° 549, proveniente dal Rifugio Paolina, vedi anche itinerario Sentiero del Masarč - Variante Inferiore) all'altezza della Baita Pederiva ed a pochi passi dal Rifugio Roda di Vačl (2225 m, h 1,30 dal Passo di Costalunga). 

Superbo panorama sul sottogruppo di Vačl, sulle cime dei Mugoni e sul Gruppo di Sella

Merita una visita il vicino roccione del Ciampaz (2316 m), che si affaccia come una prora di nave sul solco del Rio di Valle e permette di abbracciare con lo sguardo buona parte delle Dolomiti Fassane. 

Ritorno per la stessa via in h 1,00.

 

TEMPO TOTALE

h 2,30 circa

DISLIVELLO

550 m circa

DIFFICOLTA’

E

ULTIMO SOPRALLUOGO

21 luglio 2009

PERIODO CONSIGLIATO

giugno - ottobre

COMMENTI

Breve escursione ad una delle zone piů belle e panoramiche del Gruppo del Catinaccio. Anche se non č l'accesso piů frequentato al Rifugio Roda di Vačl (il breve approccio dal Rifugio Paolina č certamente piů gettonato) č forse il migliore per godere appieno della bellezza di questi luoghi. E' comunque possibile combinare questi due percorsi per effettuare un giro assolutamente meritevole.