Traversata SÓdole - Liteg˛sa

Home Gruppo del Catinaccio Gruppo della Marmolada Sassolungo e Sella Gruppo del Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e NuvolÓu Gruppo delle TofÓne AntelÓo - Sorapýss - Marmar˛le Dolomiti di Sesto Fanes - Sennes - Braies Puez - Odle LagorÓi - Cima d'Asta Gruppo del Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Gruppo di Bosconero Gruppo di Brenta Dolomiti BellunŔsi Settentrionali

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 ľ Foglio 014

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (GRUPPO LAGOR└I-CIMA D'ASTA)

SCHEDA N. 23

 

FOTO NOTEVOLI

TRAMONTO FIEMMESE

 

PUNTO DI PARTENZA

Da Egna-Ora (uscita della A22 del Brennero) si sale a valicare il Passo di San Lugano, da dove si entra in Val di Fiemme. Si risale la valle fino a Ziano di Fiemme (980 m, 37 km da Egna-Ora), da dove si attraversa il Torrente Avisio e, superata la piccola frazione di Bosin, si risale per strada asfaltata (indicazioni per il "Rifugio Cauriol") lo splendido bosco di abeti. Superata una sbarra che, d'inverno, chiude la strada, si prosegue con fondo dapprima ancora asfaltato, poi sterrato (ma sempre ben percorribile dai normali automezzi) fino al Rifugio Cauriol (1594 m, parcheggio).

 

ITINERARIO

Dal rifugio si supera la Malga SÓdole e si segue l'ampia carrareccia sterrata (chiusa al traffico) che risale la pittoresca Val SÓdole (segnavia n░ 320). Superato il rio su un ponte, si attraversa un bel prato con bestiame al pascolo, si lascia a destra un minuscolo baitino sempre aperto e, presso il termine del prato (Pian della Maddalena), si incontra il cartello su un albero che indica lo stacco (a sinistra) della traccia segnata per il CardinÓl

Si prosegue invece lungo il fondovalle, praticamente pianeggiante, si supera il rio su un ponticello e, presso un grosso larice, si lascia il sentiero principale per prendere una traccia a destra, che sale ben marcata nel bosco (consigliata scorciatoia). Con diversi tornanti il sentiero guadagna quota sulla sinistra idrografica della valle, poi traversa in quota, meno ripidamente, fino a reimmettersi sulla mulattiera principale all'altezza del primo tornante. La mulattiera, risalente alla Grande Guerra, effettua una serie di lunghissimi tornanti a pendenza quasi nulla, per poi tagliare definitivamente a sinistra, in direzione del ben evidente Passo SÓdole. Raggiunta la grande conca detritica poco sotto il passo, dominata dalle severe pareti del Monte Cauriol, del Piccolo Cauriol e del CardinÓl, si trascura, in corrispondenza di un evidente cartello, una deviazione sulla destra (vedi itinerario CastŔl delle Aie) e si prosegue sulla mulattiera principale fino al passo ed ai ruderi di alcune casermette (2066 m, h 1,20 dal rifugio). 

Qui si abbandona la mulattiera, che inizia a divallare verso la profonda Val Cýa ed il Rifugio RefavÓie, per prendere il sentiero di destra (cartelli, segnavia n░ 321), che inizia a salire lungo il fianco sinistro idrografico della valle, ai piedi degli scuri torrioni alla base del CastŔl delle Aie. Superati altri ruderi militari, il sentiero passa sul versante meridionale (Val Cýa), e taglia lungamente i ripidissimi pendii prativi in direzione di un evidente canalino roccioso che sbuca su una forcelletta su uno sperone secondario del CastŔl delle Aie. Si risale con erti tornanti il canalino fino al suo sbocco superiore: a sinistra, da un piccolo terrapieno, si origina una corta galleria di guerra che termina con un finestrone a picco sulla Val Cýa. Bella veduta su Cima d'Asta

Dal colletto si tagliano ancora ripidi pendii erbosi per portarsi, con breve risalita, ad un secondo colletto (2209 m), sorvegliato da alcuni arditi torrioni ("I Sas˛ni"). Da qui il sentiero divalla con decisione nell'ampia conca detritica della Busa del CastŔl, racchiusa fra i versanti meridionali del CastŔl delle Aie (2486 m) e del Monte Forment˛ne (2402 m). Tagliate, nuovamente in falsopiano, alcune pietraie (ometti e segni rossi), le tracce passano poco sotto la Forcella delle Aie (cartello e deviazione), per proseguire alla base del roccioso versante Sud-Est del Forment˛ne: il terreno si fa via via pi¨ erto ed esposto, e richiede un po' d'attenzione. Oltre uno speroncino, il sentiero imbocca una cengia che taglia la parete (attenzione al verticale salto sulla profondissima Busa del CastŔl!): pi¨ avanti, dove la cengia si assottiglia leggermente (pur rimanendo sempre facile), le corde fisse consentono di procedere in piena sicurezza. Oltre un tratto di parete aggettante, si sale ad un poco accentuato colletto e, al di lÓ di alcune roccette, si esce all'estremitÓ Nord della lunghissima sella del Passo di Liteg˛sa, e pi¨ propriamente in localitÓ "il Frate" (2261 m, h 1,30 dal Passo SÓdole). Il curioso gendarme sovrastante, che da certe angolazioni somiglia ad un penitente in saio, Ŕ la ragione del toponimo. 

Seguendo brevemente una traccia che aggira le rocce di destra, si giunge al Bivacco Nada Teatin, ricavato chiudendo con infissi in legno una caverna di guerra (ricovero efficace, ma MOLTO spartano ed essenziale! Due posti letto). Bella veduta sulla rocciosa Cima di Liteg˛sa (2548 m), che domina l'opposto versante del passo. Verso Nord, la lunga e pittoresca Val Cavel˛nte scende in Val di Fiemme all'altezza di PanchiÓ. Volendo raggiungere il passo vero e proprio, si scende per un sentiero verso destra (versante Val Cavel˛nte) che supera alcuni saltini erbosi per immettersi sulla mulattiera di fondovalle in corrispondenza di un grande terrapieno militare, e per erba e dossi detritici si risale in breve al Passo di Liteg˛sa  (2277 m, cartelli, h 3,00 dal Rifugio Cauriol). Ambiente e panorami splendidi! 

Ritorno per la stessa via in h 2,15.

 

TEMPO TOTALE

h 5,30 circa

DISLIVELLO

1000 m circa (molti saliscendi durante il percorso!)

DIFFICOLTAĺ

EE 

ULTIMO SOPRALLUOGO

5 novembre 2006 

PERIODO CONSIGLIATO

luglio - ottobre

COMMENTI

Interessante escursione, varia e panoramica. Ottime vedute su Cima d'Asta e le cime centrali del LagorÓi. Non troppo frequentata, ma ben segnata. Attrezzati i pochi tratti esposti, comunque sempre molto facili. Consigliabile abbinare la gita con la salita alla Cima di Liteg˛sa.