Il Castellazzo 2333 m

Home Catinaccio Marmolada Sassolungo e Sella Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e Nuvolau Tofane Antelao Sorapiss e Marmarole Dolomiti di Sesto Fanes Sennes Braies Puez - Odle Lagorai - Cima d'Asta Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Bosconero - San Sebastiano Gruppo di Brenta Dolomiti Bellunesi Settentrionali

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 ľ Foglio 022

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (GRUPPO DELLE PALE DI SAN MARTINO)

SCHEDA N.

 

FOTO NOTEVOLI

FOTOPERCORSO (DALLA FORCELLA VEN╚GIA)

PARTICOLARE DEI PERCORSI DI SALITA E DISCESA (DAL MONTE MUL└Z)

IL CASTELLAZZO DAI PRATI DELLA VAL VEN╚GIA, POCO SOTTO IL CAMPIGĎL DELLA VEZZ└NA

CAVERNA DI GUERRA SULLA CRESTA SOMMITALE DEL CASTELLAZZO

IL LAGO DI PANEVEGGIO E LA BASSA VAL TRAVIGNĎLO DALLA SOMMIT└ DEL CASTELLAZZO

 

PUNTO DI PARTENZA

a) Da Egna-Ora (uscita della A22 del Brennero) si sale a valicare il Passo di San Lugano, da dove si entra in Val di Fiemme. Si risale la valle fino a Predazzo (1011 m, 37 km da Egna-Ora), dove si svolta a destra per risalire la pittoresca Val Travign˛lo. Superato Bellamonte, si supera il grande bacino artificiale (Lago di Paneveggio) e si raggiunge l'abitato di Paneveggio (1515 m, 13 km da Predazzo).

b) Da Pian di Vedoia (uscita della A27 Mestre-Belluno) si raggiunge Belluno e poi Feltre (42 km da Pian di Vedoia), da dove si risale interamente la lunga Val Cism˛n fino al Passo Rolle (56 km da Feltre). Si scende quindi in Val Travign˛lo fino a Paneveggio (1515 m, 8 km dal Passo Rolle).

Da Paneveggio si prosegue verso il Passo Rolle, deviando per˛ quasi subito a sinistra per il Passo di VÓlles. Dopo qualche chilometro, in localitÓ Pian dei Cas˛ni (1693 m), si lascia l'auto presso un capace parcheggio sulla destra (indicazioni per la "Val VenŔgia").

 

ITINERARIO

Si risale la stradetta con pendenza quasi nulla, a fianco del torrente, fino a sbucare nell'ampia radura erbosa dove sorge la grande Agritur Malga VenŔgia (1778 m, h 0,20): qui Ŕ possibile giungere con l'auto, pagando per˛ pedaggio. Sul fondo della valle appare la ciclopica muraglia delle Pale di San Martino

Si prosegue per boschi e prati lungo la strada, praticamente pianeggiante: l'ambiente idilliaco e lo sfondo maestoso rendono la camminata particolarmente rilassante. Una brevissima e blanda salita consente di raggiungere l'accogliente Malga Venegi˛ta (1824 m, h 0,30 da Malga VenŔgia), con ampia terrazza panoramica. 

Salendo un po' pi¨ decisamente, ma sempre con tranquillitÓ, si attraversa un tratto di bosco, si supera la stazione a valle della teleferica del Rifugio Volpi al MulÓz e la relativa traccia n░ 710 (vedi anche itinerario Monte MulÓz) e si giunge cosý al vastissimo ripiano detritico del Campig˛l della VezzÓna. Qui confluiscono i detriti che scendono dagli immensi ghiaioni sottostanti la Cima dei Burel˛ni e la Cima della VezzÓna. 

Superato quindi il tratto detritico, si ritorna sull'erba per iniziare a risalire con pi¨ decisione, con una lunga serie di tornanti comunque poco ripidi, la testata erbosa della valle, fino a sbucare sui prati dell'ampio Passo della Costazza (2174 m, h 0,40 da Malga Venegi˛ta): qui, nei pressi di un piccolo laghetto, sorge la pittoresca Baita Segantini (2170 m, ristoro). 

Poco prima di raggiungere la costruzione, nei pressi della sbarra del "Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino", stacca sulla destra una traccia segnalata per il Castellazzo: questa taglia in piano i grandi pendii prativi della Costazza (2275 m) e, con percorso a dire il vero un po' fastidioso a causa dell'abbondante bestiame, consente di raggiungere una verde valletta che si apre ai piedi della parete Sud del Castellazzo, a questo punto ben visibile. Cercando di perdere meno quota possibile, si scende nella valletta (piccola baita) e si raggiungono per prati alcune evidenti indicazioni: qui l'itinerario per il Castellazzo viene indicato a destra, ma si consiglia invece di proseguire diritti, attaccando direttamente lo zoccolo di detriti del versante meridionale. 

Si intercetta presto una traccia della guerra che risale i ghiaioni in diagonale da sinistra a destra: all'inizio la marcia risulta un po' scomoda a causa del pietrame friabile, poi la situazione migliora. Con una lunga serie di ripidi tornantini la traccia risale un canalino fra il Castellazzo vero e proprio ed uno spuntone a destra, fino ad uscire su di una panoramica selletta di cresta (h 1,00 dalla Baita Segantini). Qui si possono visitare facilmente due gallerie degli Alpini con interessanti ricoveri. 

Oltre la selletta si incontra la bella mulattiera lastricata che risale il facile versante Est (dove guidavano le indicazioni sottostanti): seguendola verso sinistra, si passa per un altro ricovero e si raggiunge la bella cresta sommitale, in corrispondenza di una ardita postazione che si affaccia sul Cim˛n della Pala. Si risalgono quindi gli ultimi metri fino alle roccette sommitali del Castellazzo (2333 m, h 0,10 dalla selletta): attenzione al salto incombente verso Sud! Vista eccezionale sul fronteggiante MulÓz, sulle Pale e sul LagorÓi (se non c'Ŕ nebbia!). 

Per la discesa, si consiglia questa opportunitÓ: tornando per pochi metri sui propri passi, nel tratto fra la postazione ed il ricovero, si individuano una serie di ometti che scendono per facili prati verso Nord-Ovest. Seguendoli, si scende in una conca carsica veramente pittoresca, dove si possono continuare ad ammirare postazioni ed opere della Grande Guerra. Raggiunto il ciglio del tavolato, che precipita sui prati di Juribello con pericolosi dirupi, la traccia, qui un po' pi¨ marcata, compie un ampio giro su tutta la bassa e media Val VenŔgia, per poi immettersi su una molto rovinata mulattiera militare che taglia in quota le pendici del Castellazzo e riporta alla valletta con baitina ai piedi del versante Sud (h 1,00 dalla vetta). 

Da qui si ritorna alla Baita Segantini ed al Pian dei Cas˛ni in altre h 1,30 circa. 

N.B.: sulle cartine Ŕ segnata la possibilitÓ di scendere direttamente al Campig˛l della VezzÓna dalle pendici del Castellazzo per tracce militari: noi non siamo riusciti a trovare tracce sicure, sia per la nebbia, sia per l'evidente stato di abbandono in cui versano tali tracce. Pare pi¨ sicuro il ritorno per il Passo della Costazza.   

 

TEMPO TOTALE

h 5,00 - 6,00

DISLIVELLO

1000 m circa 

DIFFICOLTAĺ

E

ULTIMO SOPRALLUOGO

14 agosto 2005 

PERIODO CONSIGLIATO

maggio - ottobre

COMMENTI

Breve gita, raccomandabile a chiunque, adatta anche per il fuori stagione: anzi, forse l'autunno Ŕ proprio il periodo migliore, quando l'affollamento alla Baita Segantini Ŕ andato scemando e l'aria Ŕ pi¨ tersa. Bisogna fare un po' di attenzione alle tracce, in quanto oramai non pi¨ soggette a manutenzione. Facile e raccomandabile.