Montes˛rdo - Via "Sipario di Pietra"

Home Chi sono Escursionismo Alpinismo Rifugi e Bivacchi Chi cerca trova Ultimi aggiornamenti Links Bibliografia Mailing List

 

CARTINA CONSIGLIATA

-

CATEGORIA/ZONA

ALPINISMO - ALPI LIGURI (via di falesia)

SCHEDA N. 36

 

FOTO NOTEVOLI

FOTOPERCORSO

 

STORIA ALPINISTICA

Proprio dirimpetto alla imponente struttura rocciosa della Rocca di Perti, verso levante, una breve costa che trae origine dal complesso roccioso della Rocca CarpanŔa (e pi¨ precisamente dal Bric del Frate) si allunga verso Sud racchiudendo, con l'ardito versante Nord della stessa Rocca di Perti, una solitaria e pittoresca valletta, la Valle Urta (o Valletta di Montes˛rdo). 

Lungo questa costa si evidenziano una serie di belle pareti e placconate, ognuna con una sua denominazione, che nel complesso vengono chiamate Montes˛rdo, generalizzando cioŔ con il settore pi¨ importante e frequentato. 

Questo Ŕ costituito da una bellissima placconata verticale incisa da alcune fessure, dove sono tracciate alcune delle vie pi¨ classiche e spettacolari del finalese. 

Poco a destra della super-classica "L'Arco dei GuaitŔchi", lungo un'altra linea di fessure verticali ben evidenti giÓ dal fondovalle, si sviluppa un'altra interessante via classica: "Sipario di Pietra" (C. Bove, M. Marantonio, gennaio 1978). Pur non raggiungendo l'impegno complessivo dell'Arco, si tratta comunque di una via di tutto rispetto: soprattutto il primo tiro, lungo una serie di bellissime fessure verticali, metterÓ a dura prova i nervi e le braccia di chi si cimenta!

 

PUNTO DI PARTENZA

Da Finale Ligure (uscita della A10 Genova-Ventimiglia) si scende a Final Borgo, da dove si prende la strada per CÓlice Ligure. All'altezza di Perti si svolta a destra e si segue la stretta, ripida strada che raggiunge la piccola frazione di Perti Alta. Rimanendo in quota, la stradina passa accanto alla Chiesa dei Cinque Campanili e, rasentando gialle pareti prima, ed inoltrandosi poi nella pittoresca, boscosa Valle Urta, si superano le Case Valle e si raggiunge un primo parcheggio sulla destra, dove si lascia l'auto.

N.B.: da Perti Alta in poi il transito Ŕ in realtÓ consentito solo ai residenti, ma gli arrampicatori sono in qualche modo tollerati. NON APPROFITTARNE!

 

AVVICINAMENTO

Dal parcheggio si scende per pochi metri lungo la strada asfaltata, per prendere un sentierino sulla sinistra che scende verso il fondovalle. Risalendo dall'altra parte, con percorso un po' fastidioso per lo scomodo fondo, si raggiunge in breve una bella casa isolata (Cascina del Buio): proseguendo sul sentiero, ora pi¨ agevole, si sale nel bosco con ripidi tornanti, trascurando le varie diramazioni secondarie del sentiero. Pi¨ in alto, si arriva ad un bivio pi¨ marcato, dove si lascia a destra la traccia per la Parete Dimenticata (cartello, vedi anche itinerario "Capriccio Diagonale") e si prosegue rimontando il bosco verso sinistra. Superato un brevissimo tratto di roccette, si perviene allo spiazzo alla base delle pareti del Settore Centrale di Montesordo (h 0,15 dal parcheggio, attacco un po' a destra, presso un evidente diedro-fessura, scritta LIVELLI DI BIECAGGINE).

 

DESCRIZIONE DELLA VIA

Si possono contare 2 tiri di corda:

1 - Si attacca la doppia fessura sfruttando le lame di sinistra e di destra: il primo chiodo Ŕ un po' alto, e bisogna fare attenzione. Saliti i primi 10 metri (5b), si traversa brevemente a sinistra lungo una minuscola cengetta, fino ad un'altra fessura verticale. Si sale anche questa, con i primi due metri molto impegnativi e con scarsissimi appoggi (5c+, passaggio chiave). Pi¨ in alto conviene mantenersi fuori dalla fessura e sfruttare la lama in DŘlfer (5c continuo e faticoso). Raggiunto un masso staccato, si rimonta l'ultima breve fessura (5b) e si esce presso un alberello, dove si trova la catena di sosta;

2 - Si attacca una nuova fessura, da vincere in parte fuori dal suo bordo sinistro, e si raggiunge una piccola nicchia con comode lame (5b). Si sormonta la lama superiore, poi si traversa un paio di metri a destra, in grande esposizione, onde risalire un'esile fessurina che conduce sulla placca finale (5c). In aderenza, con salita delicata, si sale la placca, lasciando a sinistra lo strapiombo d'uscita de "L'Arco dei GuaitŔchi", che si aggira a destra  fino a raggiungere verso sinistra la catena di sosta (5b).  

 

Discesa: con due doppie da 20 m, sfruttando la sosta intermedia, si ritorna all'attacco. Da qui, nuovamente in breve al parcheggio. 

 

TEMPO TOTALE

h 1,00 circa

DISLIVELLO

60 m circa di sviluppo

DIFFICOLTAĺ

TD- (5c+ max/5b obb.)

MATERIALE UTILE

corda da 60 m, casco, 15 rinvii: via interamente attrezzata a resinati

ULTIMO SOPRALLUOGO

14 marzo 2009

PERIODO CONSIGLIATO

tutto l'anno

COMMENTI

Via piuttosto impegnativa, faticosa e che richiede forza di braccia e buona tecnica di piedi. Roccia stupenda, e per fortuna ancora non unta. Specialmente il primo tiro richiede molto impegno, anche psicologico. Grandi soddisfazioni!