Traversata del Monte Serla 2378 m

Home Gruppo del Catinaccio Gruppo della Marmolada Sassolungo e Sella Gruppo del Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e NuvolÓu Gruppo delle TofÓne AntelÓo - Sorapýss - Marmar˛le Dolomiti di Sesto Fanes - Sennes - Braies Puez - Odle LagorÓi - Cima d'Asta Gruppo del Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Gruppo di Bosconero Gruppo di Brenta Dolomiti BellunŔsi Settentrionali

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 ľ Foglio 031

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (FANES-SENNES-BRAIES)

SCHEDA N. 8

 

FOTO NOTEVOLI

ALL'INIZIO DELL'ESTATE, SCENDENDO DA FORCELLA FLODIGHE VERSO L'ALPE SERLA

DA FORCELLA FLODIGHE VERSO L'ALPE SERLA ED IL MONTE SERLA, CON IL PERCORSO DA EFFETTUARE PER RAGGIUNGERE LA VETTA

 

PUNTO DI PARTENZA

Da Bressanone (uscita della A22 del Brennero) si percorre la Val Pusteria fino a Dobbiaco (60 km da Bressanone), da dove si segue la strada diretta a Cortina d'Ampezzo che risale l'incassata Val di Landro, dominata a sinistra dai Rond˛i - Baranci e sullo sfondo dai lucenti picchi del Cristallo. Dopo circa 7 km, ai piedi dell'impressionante parete della Croda Bagnata, si lascia l'auto nel parcheggio del piccolo Cimitero austriaco di Monte Piana (a destra, 1308 m).

 

ITINERARIO

Attraversato il torrente, si risale la Val di Landro verso Sud per poche centinaia di metri, fino alle costruzioni di una piccola centrale elettrica; si prende allora a destra la ripida carrareccia che inizia a salire nel fitto bosco (segnavia n░ 33). Il tracciato, presto, risulta rovinato da episodi alluvionali, ma il passo non Ŕ mai impedito mentre con fitta serie di tornanti, a tratti molto ripidi, si risale il pendio boscoso, con begli scorci sul Gruppo dei Rond˛i-Baranci. Il sentiero raggiunge il filo di un costone che divide due profonde e selvagge forre, e lo risale in migliori condizioni, ma sempre molto ripidamente, fino ad una panchina panoramica, da dove la pendenza diminuisce sensibilmente e si entra in uno splendido, selvaggio bosco. 

Poco dopo (1912 m, h 1,15), si lascia a destra la traccia per Malga Vallettina (Flodige Alm, indicazioni, servizio di ristoro) e si prosegue in moderata pendenza nel rigoglioso sottobosco: ogni tanto, tra gli alberi, appaiono le imponenti pareti delle CrŔpe di Valchiara, contrafforti del Picco di Vallandro. Superata una prima radura, si rientra temporaneamente nel bosco per riuscirne poco dopo, in corrispondenza del fondovalle, ai piedi dei vasti ghiaioni discendenti dalle altissime pareti del Picco di Vallandro. In uno splendido ambiente alpino, tra prati, massi e radi alberi, si risale con dolce salita la testata della Vallettina, con belle vedute sui gruppi dei Rond˛i-Baranci e delle Tre Cime di Lavaredo, oltre la Val di Landro. 

Risalito un breve ghiaione, si attraversa una zona di mughi e si raggiunge un bivio: trascurata la prosecuzione verso Forcella Vallettina e Pratopiazza, si prende a destra e, con pochi tornanti fra i mughi, si raggiunge Forcella Flodighe (2163 m, h 1,15 dal bivio per Malga Vallettina, staccionata in legno), aperta ai piedi della piccola, rocciosa Punta Serla. Imponente visione sul Picco di Vallandro, che domina proprio di fronte. 

La rapida discesa sull'altro versante possibile (neve ad inizio estate) conduce sui vasti pendii prativi dell'Alpe Serla, in corrispondenza dell'omonimo passo (2099 m, h 0,20 dalla forcella). La vista si apre anche sulla zona di Braies e sulla Croda Rossa

Tralasciata la traccia n░ 14, che scende direttamente alla Malga Serla (eventuale possibilitÓ di accorciare la gita), si prosegue lungo lo spartiacque erboso, si transita presso una pittoresca baita (sorgente) e, con alcuni dentro e fuori nel bosco, si raggiunge un'ampia forcella erbosa, ai piedi dei ripidissimi pendii sommitali del Monte Serla. Seguendo le indicazioni dell'"Alta Via delle Dolomiti n░ 3", si rimonta la cresta baranciosa, si trascura una diramazione a sinistra per la vicina vetta del Monte Lungo (2282 m) e si prosegue fino alla Forcella Serla (2226 m, h 1,30 dal Passo Serla), dove giunge l'itinerario che sale dalla Valle di Braies. 

Proseguendo per una traccia in costa, tagliando con percorso a tratti esposto ripidi prati e roccette (qualche facilissima corda fissa), si tocca una esile selletta e, con gli ultimi tornanti, la grande croce di vetta del Monte Serla (2378 m, h 0,20 da Forcella Serla). Magnifica veduta, oltre che su Croda Rossa d'Ampezzo, Picco di Vallandro, Dolomiti di Braies e di Sesto, anche su tutta la Val Pusteria e sulla cresta di confine. 

Tornati a Forcella Serla ed alla successiva forcella erbosa, si scende a sinistra (versante Val di Landro) per prati non troppo ripidi, all'inizio in assenza di tracce. Superato un recinto ed attraversato un ruscello a destra, si individuano i primi segni rossi su alcuni alberi, seguendo i quali si entra presto nel lussureggiante bosco di abeti. Badando a non perdere di vista i segni (in alcuni tratti la traccia Ŕ impercettibile), si scende molto ripidamente, si attraversa una bella radura erbosa e, con un ultimo tratto di discesa, si raggiungono i ripidi prati dove sorgono alcune pittoresche costruzioni, tra cui la Malga Serla (1720 m, h 0,30 dalla forcella, normalmente chiusa al pubblico). 

Da qui, seguendo una larga carrareccia, si inizia a scendere verso la Val di Landro: dopo un primo breve tratto di discesa moderata, la pendenza aumenta a dismisura, sfiorando in alcuni tratti la "quasi verticalitÓ": ci˛ consente una discesa rapida e, con alcune belle vedute sul Lago di Dobbiaco, si tocca il fondovalle nei pressi di un'altra centralina elettrica, poco a Sud del lago stesso. 

Risalendo la valle lungo il torrente, si ritorna in breve al Cimitero austriaco (h 1,00 da Malga Serla).

 

TEMPO TOTALE

h 6,30 - 7,00

DISLIVELLO

1400 m circa 

DIFFICOLTAĺ

E allenati

ULTIMO SOPRALLUOGO

2 giugno 2004 

PERIODO CONSIGLIATO

giugno - settembre

COMMENTI

Splendida gita circolare, attraverso luoghi poco conosciuti e straordinariamente panoramici. La zona intorno a Forcella Flodighe Ŕ veramente spettacolare, cosý come molto panoramica Ŕ la vetta del Monte Serla. Il tratto iniziale Ŕ faticoso, ma consigliabile Ŕ questo senso di marcia, perchŔ la salita da Malga Serla Ŕ ancor pi¨ ripida e, nel tratto superiore, di non facile orientamento. La parte centrale fa parte dell'Alta Via delle Dolomiti n░ 3: nonostante questo, la frequentazione Ŕ tutt'altro che eccessiva!