Sentiero Attrezzato "Gino Badia"

Home Gruppo del Catinaccio Gruppo della Marmolada Sassolungo e Sella Gruppo del Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e NuvolÓu Gruppo delle TofÓne AntelÓo - Sorapýss - Marmar˛le Dolomiti di Sesto Fanes - Sennes - Braies Puez - Odle LagorÓi - Cima d'Asta Gruppo del Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Gruppo di Bosconero Gruppo di Brenta Dolomiti BellunŔsi Settentrionali

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 ľ Foglio 06

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (GRUPPO DELLA MARMOLADA)

SCHEDA N. 19

 

PUNTO DI PARTENZA

LA SERENA CONCA PRATIVA DEL LAGUS╚L SALENDO VERSO IL CIRCO DELL'ORT

LA STRETTA SPACCATURA DELLA FORCELLA DELL'ORT, FRA DUE ARDITI CAMPANILI ROCCIOSI

LA FORCELLA DELL'ORT, CON IL PERCORSO DI DISCESA, DAI PRESSI DEL PASSO DELLE SELLE

IL VECCHIO ED IL NUOVO RIFUGIO PASSO DELLE SELLE DALLA CRESTA DELLA PUNTA DELLE SELLE

 

PUNTO DI PARTENZA

a) Da Egna-Ora (uscita della A22 del Brennero) si sale a valicare il Passo di San Lugano, da dove si entra in Val di Fiemme. Risalita la valle fino a Predazzo, si prosegue lungo la Val di Fassa raggiungendo Pozza di Fassa (54 km da Egna-Ora);

b) Da Bolzano Nord (uscita della A22 del Brennero) si risale interamente la caratteristica Val d'Ega e, attraverso Ponte Nova e Nova Levante, si raggiunge il Passo di Costalunga (1743 m). Da qui si scende in breve a Vigo di Fassa e, proseguendo lungo la Val di Fassa, a Pozza di Fassa (41 km da Bolzano Nord).

Da Pozza si supera l'Avisio e si raggiunge la frazione MŔida, da dove si risale la prima parte della Valle di San Nicol˛ fino alla Malga al Crocifisso (1522 m). Da qui si segue la diramazione di destra che si inoltra nella pittoresca Valle dei Monz˛ni, fino ad una sbarra (parcheggio, partenza servizio pulmini per Malga Monz˛ni).

 

ITINERARIO

Superata la sbarra, ci si incammina lungo la strada, a tratti ancora asfaltata, che percorre la pittoresca Val dei Monz˛ni; dopo qualche tornante, si prosegue con pendenza pi¨ moderata costeggiando una bella forra del torrente, mentre sullo sfondo appare la scura cresta vulcanica dei Monz˛ni. 

Giunti in localitÓ Pont de CiÓmp, si abbandona la sede stradale per imboccare, sulla sinistra, il sentiero n░ 641 (h 0,45), che attraversa il ponticello e segue per un tratto il rio sulla sponda opposta. Piegando decisamente a sinistra, il sentiero inizia a salire (anche se non troppo decisamente) lungo il pendio boscoso che costituisce la sponda destra orografica della Valle dei Monz˛ni. Con salita pi¨ decisa, si giunge ad una radura con qualche baita (1950 m), da dove con altri tornanti ed un lungo traversone in salita si arriva alla sella della Forcella dal PiŔf (2186 m, h 0,50 dal ponte), aperta tra il Sass dal PiŔf (2586 m, a destra) ed il meno ardito Monte Pal˛n (2249 m, a sinistra, sormontato da una croce). Dalla forcella, si apre la vista sulla corona di cime che costituiscono la testata della Valle di San Nicol˛, e soprattutto sulla sottostante splendida conca del LagusŔl: Ŕ questo un piccolo laghetto di caratteristico colore verde-azzurro, che occhieggia seminascosto in una verde valletta ricoperta di prati e di radi abeti, un paesaggio veramente idilliaco. 

Dall'altra parte si trascura la traccia che scende allo specchio d'acqua (vedi itinerario LagusŔl) e si taglia in piano la costa prativa fino ad alcune baite, adagiate su un piccolo ripiano in riva ad un altro, pi¨ piccolo laghetto. Qui domina la severa parete del Sass dal PiŔf. Seguendo le indicazioni per il "Sentiero Attrezzato Gino Badia", si prende la labile traccia che taglia gli ultimi dossi prativi ed attacca gli erti ghiaioni alla base della parete: con ripidi tornanti si raggiunge una nicchia nerastra (giÓ ben visibile dal basso), e si rasenta poi la parete verso destra fino ad un colletto erboso. Si traversa dall'altra parte in falsopiano l'erto pendio detritico sopra la piana dei Monz˛ni (zona di camosci), fino all'imbocco di un largo circo detritico ("l'Ort") non intuibile dal basso, racchiuso fra le rocciose pareti della Punta dell'Ort (2689 m) ed i torrioni delle Pale di CarpŔlla. 

Il ben marcato sentierino serpeggia sul fondo del circo, mentre sullo sfondo appare la vertiginosa spaccatura verticale della Forcella dell'Ort. Raggiunta la base dei ghiaioni, la traccia prende a risalirli con percorso meno evidente ed alquanto faticoso, a causa della fastidiosa friabilitÓ delle ghiaie. Risalito un erto, corto canalino, si scavalca un costoncino erboso sulla sinistra e si raggiunge l'inizio delle rocce. Le corde fisse guidano lungo una ripida rampa rocciosa poi, superato un breve canale a sinistra, un'altra cengia verso destra porta all'imbocco del ripido ma brevissimo canalino terroso che fa capo alla strettissima Forcella dell'Ort, aperta fra due vertiginosi campanili (2504 m, h 1,25 dalla Forcella dal PiŔf). Belle vedute su BuffÓure, Catinaccio e, sull'altro versante, sul Passo delle Selle. 

Si scende ora dall'altra parte per una malagevole traccia sulle ghiaie ai piedi della parete di sinistra, con percorso faticoso a causa dell'estrema precarietÓ del terreno. Superato un piccolo ricovero di guerra, la traccia taglia l'ampio circo sassoso alla base del Piccolo LastŔi (2697 m) e della Punta dell'Ort, con bella vista dall'alto sulla Valle delle Selle. Rimontato un costoncino prativo, si supera un'imponente muraglione della guerra e ci si immette sul comodo sentiero n░ 604, proveniente dalla Val dei Monz˛ni, a pochi minuti dal Rifugio Passo delle Selle (2528 m, h 0,30 dalla Forcella dell'Ort). 

Dal passo, si scende lungo il bel sentierino che si abbassa decisamente nell'alta Val delle Selle, curvando alla base della massiccia Punta dell'Ort (2689 m) e rasentando le piccole ma ardite Pale di CarpŔlla (2490 m, 2430 m, 2411 m); superato il piccolo specchio d'acqua del Lago delle Selle (2232 m, sovente asciutto), si giunge su di una costola prativa che si inclina bruscamente verso il fondo della Valle dei Monz˛ni. 

Con alcuni ripidi tornanti, il sentiero supera il salto (da cui il torrente scende con bella serie di cascate), e tocca il poggio alberato su cui sorge il piccolo Rifugio Taramelli (2046 m, h 0,50 dal passo).

Continuando a scendere, superato il Rio dei Monz˛ni, si entra nel bosco e si scende all'ampia radura della Malga Monz˛ni e, poco sotto, alla Baita Monz˛ni. Di qui con veloce discesa lungo l'ampia carrareccia, si giunge al parcheggio della Val dei Monz˛ni (h 0,30). 

 

TEMPO TOTALE

h 5,00 circa

DISLIVELLO

1000 m circa 

DIFFICOLTAĺ

EE allenati (un facile tratto attrezzato)

ULTIMO SOPRALLUOGO

10 settembre 2005

PERIODO CONSIGLIATO

giugno - ottobre

COMMENTI

Itinerario non molto faticoso, piuttosto breve ma che consente un giro panoramico di ampio respiro: si passa dalle serene ondulazioni prative del LagusŔl ai severi canaloni ed alle alte pareti della Forcella dell'Ort, per poi terminare al Passo delle Selle, dove si possono visitare interessanti postazioni austriache dell'epoca della Grande Guerra. Non troppo frequentato: interessante.