Forcella del Lago e Vall˛n Bianco

Home Gruppo del Catinaccio Gruppo della Marmolada Sassolungo e Sella Gruppo del Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e NuvolÓu Gruppo delle TofÓne AntelÓo - Sorapýss - Marmar˛le Dolomiti di Sesto Fanes - Sennes - Braies Puez - Odle LagorÓi - Cima d'Asta Gruppo del Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Gruppo di Bosconero Gruppo di Brenta Dolomiti BellunŔsi Settentrionali

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 ľ Foglio 031

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (FANES-SENNES-BRAIES)

SCHEDA N. 3

 

FOTO NOTEVOLI

L'ALPE DI FANES GRANDE DAL TERRAZZINO ANTISTANTE IL BIVACCO DELLA PACE

 

PUNTO DI PARTENZA

Da Bressanone (uscita della A22 del Brennero) si percorre la Val Pusteria fino a San Lorenzo di SebÓto (32 km da Bressanone), da dove si risale interamente la splendida Val Badia fino a La Villa (29 km da San Lorenzo). 

Qui si imbocca a sinistra la pittoresca Valle di San Cassiano in direzione del Passo Valparola: giunti all'abitato dell'Armentar˛la (1621 m, 5,5 km da La Villa), poco prima del Campeggio Sass D'lacia, si volta a sinistra (indicazioni) e, superata una grande cava di ghiaia, si arriva alla Capanna Alpina (1720 m, ampio parcheggio).

 

ITINERARIO

Ci si inoltra nell'ampio ed erboso Plan da l'Ega, ai piedi delle ardite pareti rocciose delle Conturines e, verso destra, del Gruppo di Fanis; in breve si giunge ad un bivio. Trascurata la traccia di sinistra, diretta al Col dla Locia ed al Passo TadŔga (vedi itinerario Alpe di Fanes e Lago Verde), si prende quella di destra, ampia e ghiaiosa, che comincia presto a salire molto ripidamente nel bosco. Si taglia a pi¨ riprese la pista da sci dell'Armentar˛la (una delle poche non servite da un impianto di risalita) e si continua a salire tra ripide balze erbose: poggiando nell'ultimo tratto sui contrafforti basali dell'ardita Cima del Lago (2654 m), il sentiero raggiunge la soglia glaciale del primo ripiano del vallone (Plan de Lagacci˛, 1985 m, h 0,50) dove, sulla sinistra ai margini del bel prato, sorge il Rifugio Scot˛ni (fontana). 

Attraversato tutto il vasto ripiano, il sentiero raggiunge sulla sinistra l'imbocco di un ampio e ripidissimo canalone roccioso solcato dal rio, che risale con ardito percorso grazie a terrapieni e gradini artificiali. Piuttosto velocemente, ma con fatica, si arriva al sommo del canale, su alcuni dossi baranciosi arrotondati, all'inizio dell'ampio Vallon di Lagazuoi: con pochi passi verso sinistra si raggiunge il pittoresco Lago Lagazuoi (2182 m, h 0,35 dal rifugio), ai piedi dell'impressionante spigolo Sud della Torre del Lago, nonchŔ delle paretone della Cima Scot˛ni (2874 m) e della Cima del Lago. In alto, sulla destra, appare la cima del Piccolo Lagazuoi, con la stazione della funivia del Falzarego. 

Dal lago, trascurato il sentiero che risale il vallone verso la vetta del Piccolo Lagazuoi (vedi anche itinerario "Sentiero dei Kaiserjaeger" in senso inverso), una traccia risale i vasti ghiaioni ai piedi della Cima Scot˛ni e, con ampio traverso da destra a sinistra, va a raggiungere l'imbocco del ripido e stretto canalone che sale alla Forcella del Lago, giÓ ben visibile dal basso. La risalita del canalone, anche se breve, avviene su ripidi e mobili detriti, per cui richiede passo sicuro e prudenza: raggiunta la conca detritica superiore, in pochi minuti si giunge all'ampia insellatura della Forcella del Lago (2486 m, h 0,45 dal lago). Magnifica veduta sulle Conturines, che svettano al di lÓ del vallone che sale al Passo TadŔga, nonchŔ sul Gruppo di Fanis, con le imponenti Cime di Fanis di Mezzo (2989 m) e Nord (2969 m), in alto sulla destra. 

Dalla forcella un comodo sentiero, con pendenza moderata, scende per ondulati dossi erbosi e detritici in direzione del Passo TadŔga: tagliato alla base il vasto e solitario Vall˛n de Ciampestrin, dominato in alto dal Monte Cavallo (2912 m), si attraversano alcune frane e si tocca il fondovalle poco prima del Plan de Sumor˛nes, ameno pascolo per il bestiame. Continuando sull'ampia mulattiera, con lievi saliscendi, si supera il Passo TadŔga (2157 m, h 1,00 dalla forcella), tralasciando a sinistra il "Sentiero Tru Dolomieu" (vedi itinerario Piz Lavarella), e si prosegue per gli ampi pascoli fin nei pressi della Malga di Fanes Grande (2102 m, h 0,20 dal Passo TadŔga). 

Da qui un cartello, sulla destra, indica lo stacco della traccia per il Vall˛n Bianco. Superato un dosso, la traccia scende in una valletta dove si immette in una rotabile ex militare che prende a risalire, con pendenza moderata, gli ondulati prati. Superato un tratto di rado bosco, la carrareccia prende quota con alcuni tornanti, fino ad un bivio: trascurato il segnavia VB (che porta a sinistra nel Vallon del Foss ed alla Via Ferrata di Furcia Rossa) si prende a destra il segnavia n░ 17, che rasenta alte pareti rocciose per poi abbassarsi in una conca erbosa allo sbocco del selvaggio Vall˛n Bianco

E' questo un solitario vallone, per lo pi¨ detritico, racchiuso tra le Cime di Furcia Rossa, il Monte Castello ed il Monte Casale a destra (Est) e le Cime di Ciampestrin ed il Monte Cavallo a sinistra (Ovest). Attraversata tutta la conca, il sentiero risale un costone erboso e va a lambire i giganteschi massi precipitati, in epoca remota, dalla parete Nord-orientale della Cima di Ciampestrin Nord (2834 m). Con salita costante ma non eccessiva, la traccia continua la risalita del vallone, per successivi ripiani detritici, con vista sempre pi¨ ampia sull'Alpe di Fanes e sulle cime che le fanno da sfondo. Raggiunta la vasta conca detritica superiore, il sentiero si dirige decisamente verso sinistra, in direzione dell'ardito cocuzzolo del Monte Castello (2817 m): con una serie di ripidi tornanti tra il pietrame, si raggiunge la base delle rocce dove, fra evidenti resti della Grande Guerra, sorge il Bivacco della Pace, addossato alla verticale parete rocciosa (2760 m, h 2,00 dalla malga). 

Raccomandabile aggirare per traccia esposta il cimotto del Monte Castello, in modo da godere di una vista veramente mozzafiato sulle Tofane e sulla voragine della Val TravenÓnzes

Ritorno per la stessa via fino al Passo TadŔga, da cui nuovamente alla Capanna Alpina attraverso il Col dla Locia (vedi itinerario Alpe di Fanes e Lago Verde) in h 2,15

N.B.: Proprio di fronte al bivacco, sull'altro lato del vallone, appare bene in vista una invitante forcella, alla quale sale una traccia di sentiero. Si tratta della Forcella di Ciampestrin Sud (2737 m), che mette in comunicazione il Vall˛n Bianco con il Vall˛n di Ciampestrin, permettendo apparentemente un itinerario di discesa pi¨ rapido. In realtÓ detta forcella, se da questo lato Ŕ velocemente (e facilmente) raggiungibile, dall'altro sprofonda, dopo un breve e ripido pendio ghiaioso, con alte pareti rocciose sul Vall˛n de Ciampestrin, rendendone problematico (e pericoloso) lo scavalcamento. 

 

TEMPO TOTALE

h 8,00 - 8,30 

DISLIVELLO

1500 m circa 

DIFFICOLTAĺ

EE allenatissimi

ULTIMO SOPRALLUOGO

11 agosto 2003 

PERIODO CONSIGLIATO

luglio - settembre

COMMENTI

Itinerario composto di due parti, eventualmente effettuabili anche separatamente. Se percorso integralmente, molto faticoso, ma eccezionale per panorami e ambiente molto solitario. Veramente eccezionale la veduta delle Tofane, specialmente di quella di Rozes, dalle vicinanze del Bivacco. Per i pi¨ insaziabili, possibile la prosecuzione fino in vetta al Monte Cavallo (2912 m), eccezionale belvedere.