Val Setůs e Vallňn Pisciadů

Home Gruppo del Catinaccio Gruppo della Marmolada Sassolungo e Sella Gruppo del Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e Nuvolŕu Gruppo delle Tofŕne Antelŕo - Sorapěss - Marmarňle Dolomiti di Sesto Fanes - Sennes - Braies Puez - Odle Lagorŕi - Cima d'Asta Gruppo del Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Gruppo di Bosconero Gruppo di Brenta Dolomiti Bellunčsi Settentrionali

 

N.B.: ITINERARIO E RELAZIONE A CURA DI ANNA PIERMARTINI

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 – Foglio 06

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (GRUPPO DEL SELLA)

SCHEDA N. 7 

 

FOTO NOTEVOLI

FOTOPERCORSO

 

PUNTO DI PARTENZA

a) Da Ponte Gardena (uscita della A22 del Brennero) si risale interamente la pittoresca Val Gardčna fino a Selva di Val Gardčna (1567 m, 21 km da Ponte Gardčna), da dove si sale con numerosi tornanti fino al Passo Gardčna (2115 m, 11 km da Selva). Da qui si scende alla testata della pittoresca Val Badia fino a Colfosco (1640 m, 7,5 km dal passo).

b) Da Bressanone (uscita della A22 del Brennero) si percorre la Val Pusteria fino a San Lorenzo di Sebŕto (32 km da Bressanone), da dove si risale interamente la splendida Val Badia fino a Corvŕra. Lasciata a sinistra la diramazione per il Passo Campolongo, si prosegue lungo la valle fino a Colfosco (1640 m, 36 km da San Lorenzo).

 

ITINERARIO

Lasciata l’auto nell’ampio parcheggio della prima seggiovia che si incontra subito sotto l’abitato di Colfosco, ci si inoltra sul bel sentiero che, partendo da Corvŕra, funge anche da percorso vita; proseguendo nel bosco sulla comoda mulattiera si passa oltre una serie di bivi e si arriva allo spiazzo erboso attrezzato con tavolini da picnic sottostante il salto delle cascate del Rio Pisciadů. Da qui, alzando gli occhi verso le rocce soprastanti, la presenza di una ininterrotta catena umana segnalerŕ senza ombra di dubbio il tracciato della famosa "Via Ferrata Tridentina"

Passando oltre e proseguendo sul sentiero, che qui si fa appena un poco piů stretto, si arriva ben presto ma sempre con pendenza moderata, ad un ampio spiazzo sterrato da cui stacca la traccia che inoltra verso l’aspra Val Setůs

Seguendo il sentiero ora contrassegnato con il n° 666 (di ottimo auspicio per i satanisti!) si risale dapprima il ghiaione posto nella parte terminale della valle, quindi, giunti in prossimitŕ delle rocce, si arriva al tratto attrezzato del percorso. Seguendo le corde fisse e dribblando con attenzione gli altri umani che si incontrano per via si arriva in breve al Rifugio Cavazza al Pisciadů, arroccato tra le rocce del Sella e posto poco sopra all’omonimo laghetto. 

Sulla destra rispetto al rifugio si apre un aspro vallone detritico su cui spesso si possono osservare gruppi di camosci; si segue la traccia evidente che risale il ghiaione e si arriva ad una sorta di terrazzo pianeggiante, superato il quale il sentiero riprende a salire fino alla paretina di roccia che chiude il vallone stesso. Da qui i segni portano all’attacco di una corda fissa che consente di superare la breve paretina fino ad arrivare sulla Sella del Pisciadů, e affacciandosi sull’altopiano del Sella. (A dire il vero, prima della corda fissa si incrociano tracce che risalgono brevemente un piccolo ghiaioncino e arrivano alla sommitŕ della paretina stessa senza che ci sia bisogno di utilizzare la corda fissa …). 

Da qui, nei pressi di un ometto di pietre e di una piccola pozza, occorre seguire il sentiero che piega verso sinistra e che tra rocce e morbidi saliscendi porta in breve ad un bivio con abbondanti segnali; qui, ripreso nuovamente il sentiero n° 666, si sale nuovamente fino ai 2900 metri circa per poi ridiscendere nuovamente verso la Val de Tita e fino al Rifugio Pisciadů (brevi tratti attrezzati, vedi itinerario Giro e Cima del Pisciadů). 

Giunti al rifugio si segue il sentiero che piega verso destra e, dapprima su terreno pianeggiante, poi per un ripido pendio con alcuni tratti attrezzati (Val de Bňsli), si sbocca nella parte iniziale della selvaggia ma bellissima Val de Mesdě

Scendendo verso valle e districandosi tra le innumerevoli tracce aperte nel sentiero dal passaggio di un eccessivo numero di paia di scarponi, si arriva ben presto alla comoda mulattiera del percorso vita e da qui al parcheggio.

 

TEMPO TOTALE

h 8,00 circa

DISLIVELLO

1550 m circa

DIFFICOLTA’

EE allenatissimi

ULTIMO SOPRALLUOGO

agosto 2003

PERIODO CONSIGLIATO

luglio - settembre

COMMENTI

L’escursione, passando per le Cascate del Rio Pisciadů e il Passo Gardčna, arriva al Rifugio Cavazza e quindi sulle rocciose bastionate del Sella per poi ridiscendere al rifugio e verso il paese attraverso la selvaggia Val de Mesdě. Itinerario molto bello (e frequentato, specie nella prima parte) che si snoda su sentieri facili ma in parte attrezzati.