Traversata di Forcella del Lago

Home Gruppo del Catinaccio Gruppo della Marmolada Sassolungo e Sella Gruppo del Latemar Pelmo e Civetta Croda da Lago e NuvolÓu Gruppo delle TofÓne AntelÓo - Sorapýss - Marmar˛le Dolomiti di Sesto Fanes - Sennes - Braies Puez - Odle LagorÓi - Cima d'Asta Gruppo del Col di Lana Gruppo di Bocche Pale di San Martino Gruppo del Cristallo Dolomiti d'Oltre Piave Vette Feltrine e Monti del Sole Gruppo di Bosconero Gruppo di Brenta Dolomiti BellunŔsi Settentrionali

 

CARTINA CONSIGLIATA

Tabacco scala 1:25.000 ľ Foglio 010

CATEGORIA/ZONA

ESCURSIONISMO - DOLOMITI (DOLOMITI DI SESTO)

SCHEDA N. 4

 

FOTO NOTEVOLI

IL VERDISSIMO LAGO MALGA DI MEZZO

IL MASSICCIO DEI TRE SCARPERI DALLA STRADETTA DELLA VAL CAMPODIDENTRO

 

PUNTO DI PARTENZA

Da Bressanone (uscita della A22 del Brennero) si risale la verde Val Pusteria fino a Dobbiaco (60 km da Bressanone), da dove si segue la strada diretta a Cortina d'Ampezzo che risale l'incassata Val di Landro, dominata a sinistra dai Rond˛i - Baranci e sullo sfondo dai lucenti picchi del Cristallo. Dopo circa 5 km, in localitÓ Ferrara Vecchia, si supera una cava sulla sinistra e si lascia l'auto in un piccolo parcheggio subito dopo, sulla destra.

 

ITINERARIO

Si prende il bel sentiero n░ 9 (indicazione per "Forcella del Lago") che, al di lÓ della strada, attraversa un prato e prende a salire nel ripido, fitto bosco di abeti. Risalito con molti tornanti il ripido pendio iniziale, la traccia si inserisce nello stretto valloncello del Fosso MŔsule e, attraversato un tratto franoso, raggiunge il letto dello spumeggiante torrentello poco a valle di un salto roccioso con cascata. Attraversato il ruscello, il sentiero riprende dall'altra parte con altri erti tornanti, per tornare ad attraversare il rio al di sopra del salto, ai piedi di un'altra cascata (h 0,45). 

Tornati definitivamente sulla sinistra idrografica del valloncello, si risale il ripido pendio opposto (il nuovo tracciato passa pi¨ a destra della vecchia traccia dei pastori, che risaliva un canale franoso a ridosso delle rocce) fino al crinale spartiacque, che si supera all'altezza di una boscosa selletta (h 0,40 dalla cascata, bella veduta sul Lago di Dobbiaco). 

Dall'altra parte, si apre la vista su di un'altro stretto, roccioso vallonetto, solcato dal Rigolo del Canile, e sull'imponente bastionata rocciosa Croda Bagnata - Dosso Piano. Un tratto di sentiero in falsopiano (in qualche punto un po' esposto, ma sempre elementare) rasenta lo zoccolo basale del Monte delle Pecore e, superato un cancello per il bestiame, raggiunge un'altra bella radura all'inizio di un nuovo tratto boscoso. Si risale il pendio boscoso, con ripidi tornanti, fino ad uno splendido prato in pendenza (2066 m, h 0,35 dalla selletta boscosa), da cui appare imponente la verticale parete meridionale della Croda dei Baranci (2922 m): era questa l'antica sede della Baita dei Pecorari, antico ricovero di pastori ormai scomparso. 

Proseguendo in salita per dossi erbosi e rado bosco, con vedute sempre pi¨ ampie su Picco di Vallandro, Monte Serla e sulle Alpi di confine, si raggiunge lo splendido circo terminale del vallone, da dove appare l'insellatura della Forcella del Lago (2545 m) aperta tra Cima Piatta Alta e Cima Bulla Nord. Una breve discesa conduce sugli splendidi prati in cui Ŕ adagiato il cristallino Lago Malga di Mezzo (2222 m, h 0,30 dalla ex Baita dei Pecorari). 

Proseguendo sulla traccia segnata, si costeggiano alcuni immensi blocchi e si attacca il ripido ghiaione terminale che, con percorso evidente fin dal basso, consente di raggiungere con fatica ma in breve tempo l'ampia insellatura di Forcella del Lago (h 0,45 dal lago). Magnifica veduta, sull'altro versante, su Tre Scarperi, Paterno, Croda dei Toni e Tre Cime di Lavaredo

Trascurata a sinistra la traccia per la Cima Piatta Alta (vedi anche itinerario Croda dei Baranci), si scende dall'altra parte nel brullo vallone chiamato ToÓl Erto (bella veduta sull'imponente Torre dei Scarperi) e, per dossi rocciosi e pendii erbosi, si raggiunge il fondo della Val Campodidentro all'inizio del vallonetto che sale al Passo Grande dei Rond˛i (a destra). Continuando a seguire in discesa il sentiero n░ 10-11, si tocca il grande ripiano alluvionale sul fondo della valle e, trascurato il sentiero a sinistra per la Forcella dei Baranci e a destra per la Forcella di Toblin si giunge al Rifugio Tre Scarperi (1626 m, h 1,30 dalla forcella). 

Seguendo la larga strada di accesso, in h 0,15 si arriva al parcheggio della Val Campodidentro, da cui si pu˛ tornare al punto di partenza con un altro mezzo o confidando nell'autostop.  

 

TEMPO TOTALE

h 5,30 circa

DISLIVELLO

1350 m circa 

DIFFICOLTAĺ

E allenati

ULTIMO SOPRALLUOGO

27 settembre 2003 

PERIODO CONSIGLIATO

luglio - ottobre

COMMENTI

Itinerario molto bello paesaggisticamente, ha il pregio di attraversare zone poco conosciute e, tutto sommato, poco frequentate. Splendido l'ambiente alpestre del Lago Malga di Mezzo, cosý come di forte suggestione Ŕ la veduta delle Tre Cime di Lavaredo dalla Forcella del Lago. Un poco faticoso, e con il problema del punto di partenza e arrivo non coincidenti: prevedere possibilmente due mezzi, oppure preventivare un pernottamento al Rifugio Tre Scarperi (eventualmente, ritornare attraverso la Forcella dei Baranci).